Laurea liv.I di Viviana Oliveri

Anno: 2009-10
Università: Università degli Studi di Torino
Facoltà: ECONOMIA
Relatore: Stefano Bresciani
 

Il vantaggio competitivo: il caso Pringles

La strategia adottata da un'impresa può portarla al successo e far sì che essa raggiunga una posizione competitiva notevole. In primo luogo, è necessario studiare il settore industriale di riferimento, compresa la concorrenza; dopo quest'analisi si possono adottare diverse strategie dette "di base" al fine di arrivare ad un vantaggio competitivo. Il vantaggio competitivo può essere di costo o di differenziazione. Il primo consiste nel perseguire obiettivi di efficienza, raggiungibili grazie alla razionalizzazione dei costi e all'esame approfondito della catena del valore; in modo da poter competere anche a livello di prezzo. Il secondo consiste nel rendere unico un prodotto, progettandolo con caratteristiche distintive così da renderlo speciale e riconoscibile agli occhi del consumatore. In tale maniera, i consumatori saranno disposti ad acquistare il prodotto anche se il prezzo dovesse essere superiore alla media di mercato. Porter&Gamble, per il marchio Pringles, ha applicato delle strategie per arrivare ad un vantaggio di differenziazione. Il loro prodotto è, in effetti, unico con caratteristiche speciali, proprie del prodotto. Le patatine Pringles sono vendute in tutto il mondo, ed hanno conquistato una fetta di mercato notevole nonostante un prezzo di vendita superiore rispetto ai concorrenti.

 
 
Questa tesi non è disponibile nel database di Tesionline.

Potrebbero interessarti queste tesi DISPONIBILI:

Non hai trovato niente di tuo interesse? Prova ad inserire una frase di ricerca: