Laurea liv.I di Mattia Ciattaglia

Anno: 2009-10
Università: Università degli Studi di Torino
Facoltà: SCIENZE M.F.N.
Relatore: Maria Gabriella Forno
 

Il modellamento glaciale della Valle Sacra

Lo scopo del lavoro è la realizzazione di una carta geologica della successione quaternaria dell'alta Valle Sacra a scala 1:10.000 attraverso un rilevamento geologico di dettaglio. L'area rilevata è modellata nel substrato roccioso metamorfico, costituito da micascisti eclogitici della Zona Sesia-Lanzo, sul quale si sviluppa una copertura quaternaria di età dal Pleistocene medio all'Olocene. Le interpretazioni cronologiche effettuate si basano principalmente su posizione, quota e, subordinatamente, stato di alterazione dei depositi. I depositi glaciali di fondo, caratterizzati da abbondante matrice sabbioso-limosa sovraconsolidata e da clasti subarrotondati, sfaccettati e con spigoli smussati, sono distribuiti ampiamente in tutta l'area dove formano lembi con estensione inferiore all'ettaro, caratterizzati da andamento debolmente inclinato e nel dettaglio abbastanza articolato. I depositi glaciali di ablazione, costituiti da matrice sabbioso-limosa normal addensata e da elementi lapidei di dimensioni variabili, subarrotondati o spigolosi, formano piccoli apparati morenici di cui sono conservati essenzialmente cordoni laterali lunghi qualche centinaio di metri. In particolare, sono stati mappati alcuni apparati morenici tardo glaciali del Ghiacciaio di Vernetto. I depositi fluvioglaciali sono costituiti anch'essi da blocchi di dimensioni variabili in subordinata matrice sabbiosa grossolana e formano conoidi e piane di fondovalle, anche terrazzate, relativamente estesi. Il ghiacciaio non è stato l'unico agente responsabile del modellamento della valle. Il modellamento fluviale ha inciso il fondovalle generando alte scarpate e modificando radicalmente la morfologia dei versanti. Responsabili dell'evoluzione della valle sono anche i processi gravitativi, che hanno agito con particolare intensità nei settori in cui affiora un substrato roccioso fratturato ed allentato oppure alterato. Frane di scivolamento e colamento interessano la copertura quaternaria, rimobilizzando in particolar modo i depositi con minor grado di addensamento poggianti sui versanti più acclivi.

 
 
Questa tesi non è disponibile nel database di Tesionline.

Potrebbero interessarti queste tesi DISPONIBILI:

Non hai trovato niente di tuo interesse? Prova ad inserire una frase di ricerca: